Art. 11 01

In un precedente articolo abbiamo “lanciato” gli step che costituiscono un completo ed efficace Business Plan (BP), il documento strategico che raccoglie tutte le informazioni e le variabili necessarie per determinare un progetto imprenditoriale.

Si dettagliano di seguito le sezioni che "guidano" la redazione di un BP da presentare. 

Executive Summary

Rappresenta la parte documentale più importante di un Business Plan, consistente nella sintesi del progetto imprenditoriale futuro. Sulla base di questa sezione, l’investitore (o qualsiasi altro lettore del Business Plan), deciderà se procedere o meno nella lettura approfondita delle altre sezioni del piano.

Chiarezza, unicità e validità sono i fattori di successo che determinano la rilevanza del piano.

  • Quali sono gli obiettivi dell’azienda?
  • Qual è la sua missione?
  • Quali sono i suoi fattori critici di successo?

Descrizione generale dell’impresa

Questa è l’area testuale dedicata alla descrizione e alla panoramica più approfondita della società, illustrando in modo puntuale la natura dell’impresa e le sue caratteristiche fondamentali (mission, esposizione degli obiettivi di breve, medio e lungo termine, dei punti di forza e di debolezza, dei fattori di successo, altre informazioni generali - tipo di società, data di costituzione, l’organigramma, ecc.).

  • Informazioni generali su come è eventualmente ripartita la proprietà, sulla distribuzione di eventuali quote azionarie.
  • Informazioni sulla storia dell’azienda (per le aziende già esistenti).
  • Informazioni sull’ubicazione dell’azienda specificando l’esistenza e la localizzazione di eventuali sussidiarie.

Mercato di riferimento

È fondamentale nella redazione del Business Plan fornire un’idea chiara del mercato e del settore in cui opera l’iniziativa imprenditoriale. È dunque l’area in cui descrivere il posizionamento della Società nella sua combinazione di mercato/settore, facendo comprendere al lettore in quale scenario competitivo opera l’impresa.

Alcune teorie suggeriscono di dividere l’area in due analisi distinte: quella di settore e quella di mercato.

La prima permette di disegnare lo scenario nel quale l’azienda opera e definire i vantaggi competitivi, i fattori critici di successo e le principali minacce.

Conseguente all’analisi del settore è l’analisi di mercato che consta “nell’acquisizione ed elaborazione profonda dei dati utili a disegnare l’ambiente in cui l’impresa andrà a collocarsi con la sua offerta”.

Prodotto/servizio

In questa sezione del Business Plan è necessario descrivere nel dettaglio i servizi o i prodotti che si intendono offrire e a quale bisogno e domanda del mercato essi intendono rispondere. In particolare, si dovrebbero evidenziare le caratteristiche del servizio o del prodotto (con annesso materiale multimediale/informativo), le possibilità d’impiego, ciò che lo distingue dal prodotto/servizio offerto dalla concorrenza, quali possono essere gli sviluppi futuri.

  • Descrizione del prodotto o servizio dalla prospettiva del cliente.
  • Descrizione dei concorrenti già operanti nel settore dalla prospettiva del cliente.
  • Presentazione dei dati raccolti sull’andamento delle vendite nello specifico settore.
  • Definizione delle modalità di approvvigionamento tipiche per ciò che riguarda le materie prime.
  • Aspetti critici ed opportunità legati alla tecnologia relativa il prodotto/servizio.
  • Potenziali evoluzioni del prodotto/servizio.

Scelte commerciali

In questa area si definiscono e analizzano le strategie di marketing dell’impresa, identificando obiettivi coerenti per i diversi elementi del c.d. marketing mix (prodotto, prezzo, distribuzione, comunicazione).

Struttura produttiva

Sezione che definisce le modalità di produzione/erogazione del prodotto/servizio, in termini di ciclo di lavorazione, integrazione con i fornitori, competenze richieste, specifiche tecniche, impiantistica, aspetti logistici, brevetti, sistema di controllo qualità.

Organizzazione

Area in cui viene analizzato l’assetto organizzativo dell’impresa, in tutti i suoi aspetti principali (personale, gruppo dirigente, attrezzature e immobili, sistema contabile, sistema informativo, ecc.).

Previsioni economiche e finanziarie

Si definiscono e si valutano le dotazioni finanziarie necessarie per l’attività, in termini di andamenti di bilancio, flussi monetari e fabbisogni.

  • Descrivere precisamente tutte le ipotesi che verranno fatte in sede di elaborazione del piano finanziario.
  • Analisi del Break Even finanziario.
  • Analisi dei Profitti e delle Perdite attese su un orizzonte temporale variabile a seconda delle finalità del BP.
  • Analisi dei flussi di cassa su un orizzonte temporale analogo a quello dei Profitti e delle Perdite.
  • Eventuale redazione di un bilancio previsionale.

Articoli Recenti